Dal Treatise on Money alla General Theory: continuità o rottura?