Alimentare il corpo, alimentare le appartenenze culturali. Esigenze diffuse fra vulnerabilità e normalità