Minimalismo della «terribilità». I disegni del Pordonene in Ambrosiana