Diritto, linguaggio e "sistema": a proposito di Hobbes e Leibniz