Chomsky, linguaggio, diritto: una prospettiva neuroscientifica ante litteram?