"Verità" e "normatività" nell'accertamento del dolo