Starting again from the experience can give voice to caregivers, encouraging the reflection and transforming the anguish into a sort of "creative restlessness." A training program developed by caregivers indicates the possibility of rebuilding horizons of meaning from the living reality.

Iori, V., La vita emotiva nel lavoro di cura: da ostacolo a risorsa, in Iori, V., Bruzzone, D., Augelli, A., Musi, E., Ripartire dall'esperienza. Direzioni di senso nel lavoro sociale, Franco Angeli, Milano 2010: 24-33 [http://hdl.handle.net/10807/7767]

La vita emotiva nel lavoro di cura: da ostacolo a risorsa

Iori, Vanna
2010

Abstract

Starting again from the experience can give voice to caregivers, encouraging the reflection and transforming the anguish into a sort of "creative restlessness." A training program developed by caregivers indicates the possibility of rebuilding horizons of meaning from the living reality.
Italiano
978-88-568-2301-1
Iori, V., La vita emotiva nel lavoro di cura: da ostacolo a risorsa, in Iori, V., Bruzzone, D., Augelli, A., Musi, E., Ripartire dall'esperienza. Direzioni di senso nel lavoro sociale, Franco Angeli, Milano 2010: 24-33 [http://hdl.handle.net/10807/7767]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10807/7767
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact