Il lavoro di cura tra razionalità e affettività