"Ben far" e salvezza. Qualche riflessione