The study explores the concept of active ageing and data are derived from a representative sample of Italian older adults aged 65-74 years (N=900). The aim is to identify elements of successful ageing in the light of intergenerational exchanges. A specific attention is devoted to identifying factors that may either boost or hinder wellbeing in later life. Wellbeing was investigated in relation to i) the goals attained by the older adults, ii) their values, iii) the material a/o relational resources they can rely upon, and iv) the norms and practices of exchange within their family and social networks. Three different profiles of ageing were found, together with remarkable differences between older adults prematurely withdrawn and elders still playing a pivotal role in their families and society. While the former tend to have a perception of self as older, the latter do not consider their age a problem. The presence of exchanges oriented to both a light sociability and to the intergenerational transmission of values and support is crucial for the older adults’ sense of activity and satisfaction.

Questo studio esplora l’invecchiamento attivo di un campione rappresentativo di 900 soggetti tra i 65 e i 74 anni, con l’obiettivo di individuare gli elementi di successful ageing in una prospettiva di scambievolezza tra le generazioni. Particolare attenzione è stata posta all’individuazione dei fattori che concorrono/ostacolano il benessere in questa fase della vita, attraverso un congegno metodologico che ha consentito di mettere in relazione quattro dimensioni fondative dell’azione: gli obiettivi che gli anziani perseguono, i valori a cui fanno riferimento, le risorse di cui dispongono sia sul piano materiale che relazionale, e la pratica di scambievolezza dentro le reti familiari e sociali. La prospettiva assunta si è rilevata particolarmente adeguata e ha consentito di evidenziare tre profili di invecchiamento, presenti in differente misura nella popolazione italiana. Si evidenzia una netta distanza tra coloro che vivono un precoce ritiro e coloro che si concepiscono ancora al centro della scena, sia familiare che sociale. Per i primi la vecchiaia è già arrivata, per i secondi appare ancora sullo sfondo. La presenza di una scambievolezza orientata sia ad una socievolezza lieve e di svago, sia al supporto e alla trasmissione di valori si evidenzia come centrale nel consentire agli anziani di percepirsi attivi e soddisfatti della propria condizione.

Bramanti, D., Meda, S. G., Rossi, G., Invecchiare attivamente tra le generazioni: verso una società age friendly?, in Rossi, G., Scabini, E., L'allungamento della vita. Una risorsa per la famiglia, un'opportunità per la società, Vita e Pensiero, Milano 2016 <<Studi Interdisciplinari sulla Famiglia>>,: 3-44 [http://hdl.handle.net/10807/72811]

Invecchiare attivamente tra le generazioni: verso una società age friendly?

Bramanti;Donatella; Meda;Stefania Giada; Rossi
2016

Abstract

Questo studio esplora l’invecchiamento attivo di un campione rappresentativo di 900 soggetti tra i 65 e i 74 anni, con l’obiettivo di individuare gli elementi di successful ageing in una prospettiva di scambievolezza tra le generazioni. Particolare attenzione è stata posta all’individuazione dei fattori che concorrono/ostacolano il benessere in questa fase della vita, attraverso un congegno metodologico che ha consentito di mettere in relazione quattro dimensioni fondative dell’azione: gli obiettivi che gli anziani perseguono, i valori a cui fanno riferimento, le risorse di cui dispongono sia sul piano materiale che relazionale, e la pratica di scambievolezza dentro le reti familiari e sociali. La prospettiva assunta si è rilevata particolarmente adeguata e ha consentito di evidenziare tre profili di invecchiamento, presenti in differente misura nella popolazione italiana. Si evidenzia una netta distanza tra coloro che vivono un precoce ritiro e coloro che si concepiscono ancora al centro della scena, sia familiare che sociale. Per i primi la vecchiaia è già arrivata, per i secondi appare ancora sullo sfondo. La presenza di una scambievolezza orientata sia ad una socievolezza lieve e di svago, sia al supporto e alla trasmissione di valori si evidenzia come centrale nel consentire agli anziani di percepirsi attivi e soddisfatti della propria condizione.
Italiano
978-88-343-2965-8
Vita e Pensiero
Bramanti, D., Meda, S. G., Rossi, G., Invecchiare attivamente tra le generazioni: verso una società age friendly?, in Rossi, G., Scabini, E., L'allungamento della vita. Una risorsa per la famiglia, un'opportunità per la società, Vita e Pensiero, Milano 2016 <<Studi Interdisciplinari sulla Famiglia>>,: 3-44 [http://hdl.handle.net/10807/72811]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10807/72811
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact