La giustizia della "Commedia"