«Verità» del precetto e della sanzione penale alla prova del processo