La violenza di «Meridiano di sangue» e lo sguardo sul male del giudice penale