Secolarizzazione e pluralismo. I modi di credere come problema etico