Le condizioni di marginalità e vulnerabilità delle aree montane, l’importanza della tutela del diritto di cittadinanza di chi vi risiede e il contributo potenziale che le risorse ambientali e culturali di questi territori potrebbero fornire al benessere del nostro Paese fanno della coesione sociale ed economica di queste aree interne un’esigenza di rilevanza nazionale. Si assiste così in questi anni al passaggio da una politica per la montagna essenzialmente assistenziale, volta a compensare i fattori di fragilità di queste aree, ad una politica fondata sulla consapevolezza dell’esistenza di potenziali risorse di elevato valore, che rendono la montagna un patrimonio vulnerabile ma al tempo stesso prezioso per la sostenibilità dello sviluppo italiano. La strategia nazionale per le “aree interne” avviata dal Ministero della coesione territoriale (Barca 2012) offre un importante tracciato per l’individuazione delle esigenze di fondo e degli obiettivi che le politiche pubbliche per la montagna devono soddisfare. Il saggio presenta i risultati di un'analisi socioeconomica pluriennale sull'area dell'Appennino Reggiano

Rizzi, P., Graziano, P., Rabdomanti di comunità: il caso dell’Appennino Reggiano, in Meloni, B. (ed.), Aree interne e progetti d’area, Ros, Torino 2015: <<Sviluppo e territori>>, 183- 207 [http://hdl.handle.net/10807/71294]

Rabdomanti di comunità: il caso dell’Appennino Reggiano

Rizzi, Paolo;Graziano, Paola
2015

Abstract

Le condizioni di marginalità e vulnerabilità delle aree montane, l’importanza della tutela del diritto di cittadinanza di chi vi risiede e il contributo potenziale che le risorse ambientali e culturali di questi territori potrebbero fornire al benessere del nostro Paese fanno della coesione sociale ed economica di queste aree interne un’esigenza di rilevanza nazionale. Si assiste così in questi anni al passaggio da una politica per la montagna essenzialmente assistenziale, volta a compensare i fattori di fragilità di queste aree, ad una politica fondata sulla consapevolezza dell’esistenza di potenziali risorse di elevato valore, che rendono la montagna un patrimonio vulnerabile ma al tempo stesso prezioso per la sostenibilità dello sviluppo italiano. La strategia nazionale per le “aree interne” avviata dal Ministero della coesione territoriale (Barca 2012) offre un importante tracciato per l’individuazione delle esigenze di fondo e degli obiettivi che le politiche pubbliche per la montagna devono soddisfare. Il saggio presenta i risultati di un'analisi socioeconomica pluriennale sull'area dell'Appennino Reggiano
Italiano
Aree interne e progetti d’area
978-88-7885-372-0
Ros
Rizzi, P., Graziano, P., Rabdomanti di comunità: il caso dell’Appennino Reggiano, in Meloni, B. (ed.), Aree interne e progetti d’area, Ros, Torino 2015: <<Sviluppo e territori>>, 183- 207 [http://hdl.handle.net/10807/71294]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10807/71294
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact