Rabdomanti di comunità: il caso dell’Appennino Reggiano