L’epidemiologia è senza dubbio uno strumento fondamentale per chi lavora in sanità. I metodi dell’epidemiologia analitica possono essere applicati tanto allo studio dei determinanti dei fenomeni sanitari, quanto agli aspetti di valutazione degli interventi di prevenzione primaria e secondaria, terapeutici, riabilitativi e di programmazione sanitaria; contribuendo così alla comprensione degli stessi fenomeni e della loro ”evoluzione”, sia nel singolo individuo, sia nella popolazione generale. Tali metodi dovrebbero trovare dunque maggiore spazio nell’ambito della ricerca sui servizi sanitari e della pianificazione e programmazione sanitaria. In particolare, quali frontiere di applicazione, possono essere segnalate l’analisi dei bisogni e della domanda di salute nonché dell’impatto delle tecnologie (HTA) e delle politiche sanitarie e non (HIA). Infatti, l’epidemiologia trova ancora poco spazio nell’analisi puntuale dei bisogni e nella conseguente definizione dell’offerta dei servizi in ambito sanitario, nonostante in letteratura la centralità di questa disciplina per tale tipo di analisi sia ampiamente supportata. Osservando il panorama italiano, la scarsa presenza di registri e banche dati epidemiologiche sanitarie specifiche su scala nazionale potrebbe aver reso difficoltosa nel tempo la pianificazione efficiente delle risorse e delle strutture, determinando conseguentemente inefficienze anche dal punto di vista economico e potenziali disuguaglianze di salute. Tali criticità potrebbero essere affrontate su un fronte duplice: da un lato formando sempre meglio i professionisti della salute all’epidemiologia e alle sue applicazioni, dall’altro orientando il flusso della presa delle decisioni verso un approccio basato sull’evidenza e le prove di efficacia, che possa essere esso stesso supporto della pianificazione e programmazione sanitaria

Specchia, M. L., Cadeddu, C., De Waure, C., Identificazione dei fattori di rischio e di protezione: gli studi di epidemiologia analitica, in Calamo Specchia, F. P., Manuale critico di sanità pubblica, Maggioli Editore, Rimini 2015: 559-565 [http://hdl.handle.net/10807/70976]

Identificazione dei fattori di rischio e di protezione: gli studi di epidemiologia analitica

Specchia, Maria Lucia;Cadeddu, Chiara;De Waure, Chiara
2015

Abstract

L’epidemiologia è senza dubbio uno strumento fondamentale per chi lavora in sanità. I metodi dell’epidemiologia analitica possono essere applicati tanto allo studio dei determinanti dei fenomeni sanitari, quanto agli aspetti di valutazione degli interventi di prevenzione primaria e secondaria, terapeutici, riabilitativi e di programmazione sanitaria; contribuendo così alla comprensione degli stessi fenomeni e della loro ”evoluzione”, sia nel singolo individuo, sia nella popolazione generale. Tali metodi dovrebbero trovare dunque maggiore spazio nell’ambito della ricerca sui servizi sanitari e della pianificazione e programmazione sanitaria. In particolare, quali frontiere di applicazione, possono essere segnalate l’analisi dei bisogni e della domanda di salute nonché dell’impatto delle tecnologie (HTA) e delle politiche sanitarie e non (HIA). Infatti, l’epidemiologia trova ancora poco spazio nell’analisi puntuale dei bisogni e nella conseguente definizione dell’offerta dei servizi in ambito sanitario, nonostante in letteratura la centralità di questa disciplina per tale tipo di analisi sia ampiamente supportata. Osservando il panorama italiano, la scarsa presenza di registri e banche dati epidemiologiche sanitarie specifiche su scala nazionale potrebbe aver reso difficoltosa nel tempo la pianificazione efficiente delle risorse e delle strutture, determinando conseguentemente inefficienze anche dal punto di vista economico e potenziali disuguaglianze di salute. Tali criticità potrebbero essere affrontate su un fronte duplice: da un lato formando sempre meglio i professionisti della salute all’epidemiologia e alle sue applicazioni, dall’altro orientando il flusso della presa delle decisioni verso un approccio basato sull’evidenza e le prove di efficacia, che possa essere esso stesso supporto della pianificazione e programmazione sanitaria
Italiano
978-88-916-1308-0
Maggioli Editore
Specchia, M. L., Cadeddu, C., De Waure, C., Identificazione dei fattori di rischio e di protezione: gli studi di epidemiologia analitica, in Calamo Specchia, F. P., Manuale critico di sanità pubblica, Maggioli Editore, Rimini 2015: 559-565 [http://hdl.handle.net/10807/70976]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10807/70976
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact