Note sullo «sciàmito» a partire dal "Galateo" e dalle sue prime traduzioni