Primo tra i discepoli di Botero? Ciro Spontone e la ragion di stato