Quando si parla di etnicizzazione del mercato del lavoro e di specializzazione occupazionale su base etnico-nazionale, ci si riferisce a fenomeni multidimensionali e socialmente costruiti che implicano una forte concentrazione di manodopera immigrata in determinati settori di attività economica e in alcuni specifici gruppi professionali. In altre parole, si tratta di considerare quegli ambiti della domanda e dell’offerta nel mercato del lavoro che sono connotati dalla presenza di contingenti di dimensioni rilevanti di lavoratori immigrati appartenenti a diversi gruppi etnico-nazionali, o anche a uno solo di essi. Come documentato dalla letteratura, la fisionomia di tali fenomeni è profondamente legata ai meccanismi che generano l’offerta di lavoro e risulta altresì influenzata dalle modalità attraverso le quali prende forma la domanda espressa dai datori di lavoro. Nella regione Lombardia – così come, nel complesso, a livello nazionale – sono tali modalità di funzionamento del mercato del lavoro che favoriscono i processi di costruzione sociale dell’etnicità, spingendo nella maggior parte dei casi la specializzazione su base etnico-nazionale verso veri e propri fenomeni di segregazione occupazionale.

Marcaletti, F., Colasanto, M. (eds.), L'etnicizzazione del mercato del lavoro lombardo, Osservatorio Regionale per l'integrazione e la multietnicità (ORIM), Milano 2008: 136 [http://hdl.handle.net/10807/70286]

L'etnicizzazione del mercato del lavoro lombardo

Marcaletti, Francesco;Colasanto, Michele
2008

Abstract

Quando si parla di etnicizzazione del mercato del lavoro e di specializzazione occupazionale su base etnico-nazionale, ci si riferisce a fenomeni multidimensionali e socialmente costruiti che implicano una forte concentrazione di manodopera immigrata in determinati settori di attività economica e in alcuni specifici gruppi professionali. In altre parole, si tratta di considerare quegli ambiti della domanda e dell’offerta nel mercato del lavoro che sono connotati dalla presenza di contingenti di dimensioni rilevanti di lavoratori immigrati appartenenti a diversi gruppi etnico-nazionali, o anche a uno solo di essi. Come documentato dalla letteratura, la fisionomia di tali fenomeni è profondamente legata ai meccanismi che generano l’offerta di lavoro e risulta altresì influenzata dalle modalità attraverso le quali prende forma la domanda espressa dai datori di lavoro. Nella regione Lombardia – così come, nel complesso, a livello nazionale – sono tali modalità di funzionamento del mercato del lavoro che favoriscono i processi di costruzione sociale dell’etnicità, spingendo nella maggior parte dei casi la specializzazione su base etnico-nazionale verso veri e propri fenomeni di segregazione occupazionale.
Italiano
N/A
Osservatorio Regionale per l'integrazione e la multietnicità (ORIM)
Marcaletti, F., Colasanto, M. (eds.), L'etnicizzazione del mercato del lavoro lombardo, Osservatorio Regionale per l'integrazione e la multietnicità (ORIM), Milano 2008: 136 [http://hdl.handle.net/10807/70286]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10807/70286
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact