In margine ai libri russi del Fondo Montale della Biblioteca Comunale di Milano