Conclusioni: novità e permanenze nei quadri religiosi