I giovani e la grande recessione