I “fragili segni dell’umanità”. Sul rapporto tra Giustizia e Letteratura