Il Concilio Vaticano II e la razionalità secolare