In margine a un paradigma delle interpretazioni di Platone: Schleiermacher tra ermeneutica e dialettica