Il convincimento che la didattica “per far bene” debba prevedere una co-costruzione di conoscenza e di prassi fra formatori e formandi costituisce lo sfondo teorico entro cui va collocato il presente contributo. In generale, nei corsi di ambito metodologico più che altrove, gli studenti incontrano due principali ostacoli: la pertinenza fra i contenuti proposti e la pratica educativa appare loro non evidente e faticano a individuare modalità efficaci per mettere in pratica quanto proposto fuori da una dinamica meramente applicativa ed esecutiva. Il contributo intende far risaltare che “la didattica che fa bene” non appartiene soltanto agli spazi laboratoriali, ma può trovare efficaci forme attuative nel rispetto delle specificità e dei vincoli dei diversi contesti. In un corso curricolare l’esigenza di predisporre specifiche modalità di valutazione pone ulteriori interrogativi: come sviluppare modalità valutative coerenti con una didattica attiva? Si può fare didattica in modo innovativo mantenendo modalità valutative tradizionali? Come è possibile tenere conto dell’integrazione fra teoria e pratica nei meccanismi valutativi?

Montalbetti, K., Lisimberti, C., Verso il mondo professionale: un’esperienza di progettazioneformativa, in Traverso, A. (ed.), La didattica che fa bene. Pratiche laboratoriali e di ricerca nella formazione universitaria, Vita e Pensiero, Milano 2015: 65- 81 [http://hdl.handle.net/10807/68787]

Verso il mondo professionale: un’esperienza di progettazione formativa

Montalbetti, Katia;Lisimberti, Cristina
2015

Abstract

Il convincimento che la didattica “per far bene” debba prevedere una co-costruzione di conoscenza e di prassi fra formatori e formandi costituisce lo sfondo teorico entro cui va collocato il presente contributo. In generale, nei corsi di ambito metodologico più che altrove, gli studenti incontrano due principali ostacoli: la pertinenza fra i contenuti proposti e la pratica educativa appare loro non evidente e faticano a individuare modalità efficaci per mettere in pratica quanto proposto fuori da una dinamica meramente applicativa ed esecutiva. Il contributo intende far risaltare che “la didattica che fa bene” non appartiene soltanto agli spazi laboratoriali, ma può trovare efficaci forme attuative nel rispetto delle specificità e dei vincoli dei diversi contesti. In un corso curricolare l’esigenza di predisporre specifiche modalità di valutazione pone ulteriori interrogativi: come sviluppare modalità valutative coerenti con una didattica attiva? Si può fare didattica in modo innovativo mantenendo modalità valutative tradizionali? Come è possibile tenere conto dell’integrazione fra teoria e pratica nei meccanismi valutativi?
Italiano
La didattica che fa bene. Pratiche laboratoriali e di ricerca nella formazione universitaria
978-88-343-2738-8
Montalbetti, K., Lisimberti, C., Verso il mondo professionale: un’esperienza di progettazioneformativa, in Traverso, A. (ed.), La didattica che fa bene. Pratiche laboratoriali e di ricerca nella formazione universitaria, Vita e Pensiero, Milano 2015: 65- 81 [http://hdl.handle.net/10807/68787]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10807/68787
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact