La macchina antropologica e la questione dell'io. Quale umanesimo?