La domanda di gioco in Trentino