Il testo affianca al volume di cui costituisce la prefazione, il quale descrive in senso critico la prassi applicativa, non ancora superata in alcuni paesi, della pena di morte, alcune considerazioni teoriche di fondo che rendono inaccettabile simile forma di condanna: in rapporto alla radicale pretesa di dominio, che attraverso di essa si esprime, sull’«essere» in quanto realtà che sfugge a poteri costitutivi umani, al fatto per cui la pena di morte costituisce la manifestazione paradigmatica di una giustizia intesa come corrispettività dei comportamenti, la quale funge da moltiplicatore della violenza, giustificando l’agire negativo verso l’«altro» sulla base di un giudizio negativo precedentemente espresso nei suoi confronti, alla contraddittorietà della medesima, inoltre, dal punto di vista preventivo, in quanto destabilizza, proponendo una lesione premeditata della vita che nulla ha a che fare con la legittima difesa, il messaggio comportamentale di inalienabilità dei diritti umani fondamentali connesso alle norme incriminatrici proprie del sistema penale.

Eusebi, L., Introduzione all'edizione italiana, in Ortner, H., Il potere che uccide. La pena di morte nel mondo, Edizioni Gruppo Abele, Torino 2015 <<Le staffette>>,: 7-13 [http://hdl.handle.net/10807/66613]

Introduzione all'edizione italiana

Eusebi, Luciano
2015

Abstract

Il testo affianca al volume di cui costituisce la prefazione, il quale descrive in senso critico la prassi applicativa, non ancora superata in alcuni paesi, della pena di morte, alcune considerazioni teoriche di fondo che rendono inaccettabile simile forma di condanna: in rapporto alla radicale pretesa di dominio, che attraverso di essa si esprime, sull’«essere» in quanto realtà che sfugge a poteri costitutivi umani, al fatto per cui la pena di morte costituisce la manifestazione paradigmatica di una giustizia intesa come corrispettività dei comportamenti, la quale funge da moltiplicatore della violenza, giustificando l’agire negativo verso l’«altro» sulla base di un giudizio negativo precedentemente espresso nei suoi confronti, alla contraddittorietà della medesima, inoltre, dal punto di vista preventivo, in quanto destabilizza, proponendo una lesione premeditata della vita che nulla ha a che fare con la legittima difesa, il messaggio comportamentale di inalienabilità dei diritti umani fondamentali connesso alle norme incriminatrici proprie del sistema penale.
Italiano
9788865790861
Eusebi, L., Introduzione all'edizione italiana, in Ortner, H., Il potere che uccide. La pena di morte nel mondo, Edizioni Gruppo Abele, Torino 2015 <<Le staffette>>,: 7-13 [http://hdl.handle.net/10807/66613]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10807/66613
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact