Lo sviluppo deve essere integrale. G.M. Bertin, con una pedagogia della ragione proteiforme, interpreta le ambiguità dei processi di trasformazione socio-economica e educativa, avvalorando l'esigenza di un sistema formativo integrato, le ragioni di interdipendenza tra ambiente, individuo e società.

Malavasi, P., Custodire il creato. Ragioni di interdipendenza tra ambiente, individuo e comunità, in Contini, M., Fabbri, M. (ed.), Il futuro ricordato. Impegno etico e progettualità educativa, ETS, Pisa 2014: 199- 208 [http://hdl.handle.net/10807/66332]

Custodire il creato. Ragioni di interdipendenza tra ambiente, individuo e comunità

Malavasi, Pierluigi
2014

Abstract

Lo sviluppo deve essere integrale. G.M. Bertin, con una pedagogia della ragione proteiforme, interpreta le ambiguità dei processi di trasformazione socio-economica e educativa, avvalorando l'esigenza di un sistema formativo integrato, le ragioni di interdipendenza tra ambiente, individuo e società.
Italiano
Il futuro ricordato. Impegno etico e progettualità educativa
978-884673855-4
Malavasi, P., Custodire il creato. Ragioni di interdipendenza tra ambiente, individuo e comunità, in Contini, M., Fabbri, M. (ed.), Il futuro ricordato. Impegno etico e progettualità educativa, ETS, Pisa 2014: 199- 208 [http://hdl.handle.net/10807/66332]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10807/66332
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact