Riflessioni conclusive. Una “diversa normalità"