Il libro propone una lettura parallela di due grandi questioni della storia della Chiesa alto medievale: il discorso contro gli spettacoli (II-V sec.) e la querelle tra iconoclasti e iconofili (VII-IX sec.). L’intento è comprendere se al fondo delle singole argomentazioni esista una struttura di pensiero comune e condivisa, e se questa struttura possa essere intesa come una compiuta e articolata ‘teoria cristiana della rappresentazione’. In che modo la condanna di ogni forma di spettacolo può coesistere con la strenua difesa delle icone e del loro culto? Per quali ragioni i Padri della Chiesa vietano gli idoli, ma esortano l’uomo a essere attore della propria vita? L’analisi dei concetti di dramma e di immagine, condotta sulle fonti patristiche, dimostra che l’idea cristiana di rappresentazione è segnata da un’incolmabile distanza rispetto al pensiero greco-ellenistico. Spettacolo e dramma, spettatore e sguardo, attore e azione assumono un nuovo significato; immagine, icona, relazione e somiglianza, vedere e rappresentare sono termini che rimandano a nuovi presupposti epistemologici. Fondato sul paradosso dell’incarnazione che unisce l’invisibile al visibile, il pensiero cristiano comporta una vera e propria rivoluzione della visio e dell’actio. Una rivoluzione teorica decisiva per comprendere il vasto capitolo del ‘teatro cristiano’, fiorito nell’Europa medievale a partire dal X secolo.

Bino, C. M., Il dramma e l'immagine. Teorie cristiane della rappresentazione (II-XI sec.), Le Lettere, Firenze 2015:<<Storia dello spettacolo - saggi>>, 267 [http://hdl.handle.net/10807/65253]

Il dramma e l'immagine. Teorie cristiane della rappresentazione (II-XI sec.)

Bino
2015

Abstract

Il libro propone una lettura parallela di due grandi questioni della storia della Chiesa alto medievale: il discorso contro gli spettacoli (II-V sec.) e la querelle tra iconoclasti e iconofili (VII-IX sec.). L’intento è comprendere se al fondo delle singole argomentazioni esista una struttura di pensiero comune e condivisa, e se questa struttura possa essere intesa come una compiuta e articolata ‘teoria cristiana della rappresentazione’. In che modo la condanna di ogni forma di spettacolo può coesistere con la strenua difesa delle icone e del loro culto? Per quali ragioni i Padri della Chiesa vietano gli idoli, ma esortano l’uomo a essere attore della propria vita? L’analisi dei concetti di dramma e di immagine, condotta sulle fonti patristiche, dimostra che l’idea cristiana di rappresentazione è segnata da un’incolmabile distanza rispetto al pensiero greco-ellenistico. Spettacolo e dramma, spettatore e sguardo, attore e azione assumono un nuovo significato; immagine, icona, relazione e somiglianza, vedere e rappresentare sono termini che rimandano a nuovi presupposti epistemologici. Fondato sul paradosso dell’incarnazione che unisce l’invisibile al visibile, il pensiero cristiano comporta una vera e propria rivoluzione della visio e dell’actio. Una rivoluzione teorica decisiva per comprendere il vasto capitolo del ‘teatro cristiano’, fiorito nell’Europa medievale a partire dal X secolo.
Italiano
Monografia o trattato scientifico
Le Lettere
Bino, C. M., Il dramma e l'immagine. Teorie cristiane della rappresentazione (II-XI sec.), Le Lettere, Firenze 2015:<<Storia dello spettacolo - saggi>>, 267 [http://hdl.handle.net/10807/65253]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10807/65253
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact