Piccolo schermo e arte, tra divulgazione e good story