Alcune riflessioni sul palinsesto gotico-latino di Bologna