Giuseppe Toniolo. Le virtù dell’imprenditore, «ministro della civiltà o della decadenza»