Gli algoritmi dell'identità: il corpo umano