Intorno ad una globalizzazione che ci rende “vicini ma non fratelli”