Dialogo con la (propria) pittura. Le frante tattilità di Pino Pinelli