Il “dominio” penale come cosmogonia. Critica della violenza e “bisogno interiore del diritto”