Conflitto socio-cognitivo e teoria della mente: un dialogo possibile?