L'alto spread che gli italiani non meritano