L'Onomasticon di Giulio Polluce. Tra lessicografia e antiquaria