Tra paternalismo e politiche sociali: la Dalmine negli anni Cinquanta