2010 is a significant date for language teacher education. In this year the Italian translation of the European profile is published (Diadori 2010) – which is an essential document for those who work in the field of teacher training and language education. Moreover, and most importantly, the regulations that control requirements and procedures for the initial training of teachers (of all specializations, from preschool to senior high school) is finally passed. The regulations state that, after two years of legislative suspension, a masters degree is expected. In addition, 2010 is the 340th anniversary of Comenius' death, great “forerunner” of language teaching methodology, precursor of modernity in language didactics and teacher training, as Bona Cambiaghi has always stated. To her, this paper is dedicated. These are the reasons that led us to reflect, from an evolutionary point of view, on the role of the teacher within the language teaching space, examining the tasks and functions that language teaching methodology has assigned, in various moments, to the teacher, an essential component of the didactic-educational relation.

Il 2010 segna una data significativa per la formazione dei docenti di lingue: non solo viene pubblicata la traduzione italiana del Profilo europeo (Diadori 2010), documento imprescindibile per chi si occupa di formazione degli insegnanti e di educazione linguistica, ma soprattutto viene finalmente approvato e diffuso il regolamento che disciplina requisiti e modalità della formazione iniziale degli insegnanti (dalla scuola dell’infanzia alla scuola secondaria di secondo grado), per i quali, dopo due anni di sospensione legislativa, è previsto un percorso di laurea magistrale. Inoltre, fatto meno noto ma non meno rilevante, nel 2010 ricorrono 340 anni dalla scomparsa di Comenio, grande protoglottodidatta, precursore di tanta modernità per la didattica linguistica e la formazione degli insegnanti, come ha spesso ricordato Bona Cambiaghi, Maestra a cui il contributo è dedicato. Tali sono le ragioni che ci hanno spinto a riflettere, da un punto di vista evolutivo, sul ruolo del docente nello spazio didattico, considerando cioè i compiti e le funzioni che in momenti diversi la glottodidattica ha attribuito e ancora accorda a questa figura essenziale del rapporto didattico-educativo.

Bosisio, C., Il ruolo del docente nello spazio (glotto)didattico: un punto di vista evolutivo, in Bosisio, C. (ed.), Ianuam linguarum reserare. Saggi in onore di Bona Cambiaghi, Le Monnier Università, Firenze 2011: 114- 119 [http://hdl.handle.net/10807/3248]

Il ruolo del docente nello spazio (glotto)didattico: un punto di vista evolutivo

Bosisio, Cristina
2011

Abstract

Il 2010 segna una data significativa per la formazione dei docenti di lingue: non solo viene pubblicata la traduzione italiana del Profilo europeo (Diadori 2010), documento imprescindibile per chi si occupa di formazione degli insegnanti e di educazione linguistica, ma soprattutto viene finalmente approvato e diffuso il regolamento che disciplina requisiti e modalità della formazione iniziale degli insegnanti (dalla scuola dell’infanzia alla scuola secondaria di secondo grado), per i quali, dopo due anni di sospensione legislativa, è previsto un percorso di laurea magistrale. Inoltre, fatto meno noto ma non meno rilevante, nel 2010 ricorrono 340 anni dalla scomparsa di Comenio, grande protoglottodidatta, precursore di tanta modernità per la didattica linguistica e la formazione degli insegnanti, come ha spesso ricordato Bona Cambiaghi, Maestra a cui il contributo è dedicato. Tali sono le ragioni che ci hanno spinto a riflettere, da un punto di vista evolutivo, sul ruolo del docente nello spazio didattico, considerando cioè i compiti e le funzioni che in momenti diversi la glottodidattica ha attribuito e ancora accorda a questa figura essenziale del rapporto didattico-educativo.
Italiano
Ianuam linguarum reserare. Saggi in onore di Bona Cambiaghi
9788800740685
Bosisio, C., Il ruolo del docente nello spazio (glotto)didattico: un punto di vista evolutivo, in Bosisio, C. (ed.), Ianuam linguarum reserare. Saggi in onore di Bona Cambiaghi, Le Monnier Università, Firenze 2011: 114- 119 [http://hdl.handle.net/10807/3248]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10807/3248
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact