Oggettività e finitezza del conoscere umano. Premesse teoriche per un pluralismo non relativistico