Il coro tragico di Giovanni Manzini della Motta