"Roma è tutto il mondo". Universalismo imperiale e ministero petrino: metamorfosi e simbiosi