"In nessuna terra mi posso accasare". Tra Otto e Novecento: il poeta 'senza fissa dimora'