«E quasi incredula mi aprivo alla speranza». Percorsi di letteratura della disabilità