la “comunicazione” non è riducibile a un insieme di comparti dell’industria culturale, tra loro separati seppure interagenti, ma costituisce piuttosto una “risorsa energetica” che attraversa come un flusso le reti lungo le quali si articolano diversi soggetti sociali che agiscono nella città. Gli snodi principali di queste reti sono individuabili nei luoghi (istituzionali o meno) che agiscono come collettori, aggregatori e distributori di contenuti e, insieme, di relazioni sociali; ma sono soprattutto i soggetti coinvolti ad attirare l’attenzione, nel loro riconfigurarsi continuo a seconda della prospettiva che ne orienta l’azione e dall’angolatura analitica che si privilegia nello studio.I medesimi soggetti possono agire sia da emittenti che da destinatari dei flussi comunicativi che attraversano la città, assumendo di volta in volta la configurazione di pubblico, di consumatori e di cittadini (sul versante dei destinatari), di istituzioni e di imprese (pubbliche e private, ma anche del terzo settore e del privato sociale, sul versante degli emittenti); i flussi sono da pensarsi tendenzialmente bidirezionali (anche se non sempre questa potenzialità si realizza concretamente); questi soggetti si costituiscono reciprocamente come degli stakeholders connessi da flussi orientati verticalmente, nella maggior parte dei casi, top-down, ma anche bottom-up, e talvolta orizzontalmente (per esempio da cittadini a cittadini). Il cosituirsi come pubblico, consumatori o cittadini, infine, dipende dalla forma assunta dalla relazione comunicativa, Intorno a queste forme di relazione comuncativa è possibile individuare alcuni generi di comunicazione che trovano espressione nell’intertestualità che sorregge il fluire della comunicazione nella città e dalla città verso l’esterno.

Aroldi, P., Lo sviluppo e il ruolo della comunicazione, in Zucchetti, E. (ed.), Milano 2007. Rapporto sulla città, Franco Angeli, Milano 2007: 175- 192 [http://hdl.handle.net/10807/2906]

Lo sviluppo e il ruolo della comunicazione

Aroldi, Piermarco
2007

Abstract

la “comunicazione” non è riducibile a un insieme di comparti dell’industria culturale, tra loro separati seppure interagenti, ma costituisce piuttosto una “risorsa energetica” che attraversa come un flusso le reti lungo le quali si articolano diversi soggetti sociali che agiscono nella città. Gli snodi principali di queste reti sono individuabili nei luoghi (istituzionali o meno) che agiscono come collettori, aggregatori e distributori di contenuti e, insieme, di relazioni sociali; ma sono soprattutto i soggetti coinvolti ad attirare l’attenzione, nel loro riconfigurarsi continuo a seconda della prospettiva che ne orienta l’azione e dall’angolatura analitica che si privilegia nello studio.I medesimi soggetti possono agire sia da emittenti che da destinatari dei flussi comunicativi che attraversano la città, assumendo di volta in volta la configurazione di pubblico, di consumatori e di cittadini (sul versante dei destinatari), di istituzioni e di imprese (pubbliche e private, ma anche del terzo settore e del privato sociale, sul versante degli emittenti); i flussi sono da pensarsi tendenzialmente bidirezionali (anche se non sempre questa potenzialità si realizza concretamente); questi soggetti si costituiscono reciprocamente come degli stakeholders connessi da flussi orientati verticalmente, nella maggior parte dei casi, top-down, ma anche bottom-up, e talvolta orizzontalmente (per esempio da cittadini a cittadini). Il cosituirsi come pubblico, consumatori o cittadini, infine, dipende dalla forma assunta dalla relazione comunicativa, Intorno a queste forme di relazione comuncativa è possibile individuare alcuni generi di comunicazione che trovano espressione nell’intertestualità che sorregge il fluire della comunicazione nella città e dalla città verso l’esterno.
Italiano
Milano 2007. Rapporto sulla città
Aroldi, P., Lo sviluppo e il ruolo della comunicazione, in Zucchetti, E. (ed.), Milano 2007. Rapporto sulla città, Franco Angeli, Milano 2007: 175- 192 [http://hdl.handle.net/10807/2906]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10807/2906
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact